SEZIONE PRIMAVERA

 

Integrata nella Scuola dell'Infanzia Angelica, la Sezione Primavera accoglie i bambini dai 24 ai 36 mesi. E' nostro desiderio offrire ai più piccoli un ambiente amorevole e sicuro, in collaborazione con i genitori e le famiglie. Nella nostra Sezione Primavera i bambini hanno la possibilità di spaziare in tutta libertà tra le molteplici attività suggerite dalle insegnanti o ideate spontaneamente da loro stessi.

Tali attività sono state concepite prestando particolare attenzione alle esigenze di questa specifica fase evolutiva. Avvalendoci di un sistema di apprendimento integrato, favoriamo infatti lo sviluppo del bambino nella sfera affettiva, sociale, fisica ed intellettuale. Il nostro obiettivo è assicurare che ogni bambino realizzi appieno il proprio potenziale per diventare una persona indipendente e autonoma che apprezzi e rispetti il prossimo.
Nella sede della scuola è riservata uno spazio dedicato ai bambini della Primavera, con uno spazio educativo al piano terra, un bagno dedicato e un dormitorio separato. La sezione è accogliente e dotata di tutte le strutture necessarie per ospitare i più piccoli; E' in questo ambiente allegro che possono giocare e svolgere attività in piccoli gruppi.
La Scuola offre inoltre uno spazioso giardino ricco di piante e di alberi, con un'area esclusiva dedicata ai piccoli, separata e protetta per garantire la loro sicurezza. Il giardino è considerato un ambiente di fondamentale importanza per l'apprendimento e l'insegnamento. E' il luogo dove ai bambini sono offerte le occasioni per approfondire il programma e, naturalmente, per esercitare al meglio il movimento fisico.

I nostri progetti

All'inizio dell'anno scolastico le docenti, dopo aver osservato il gruppo, definiscono i progetti annuali, entro il primo mese di lezione. Le attività vengono proposte ai bambini in piccoli gruppi per facilitare la partecipazione , per osservare in modo più mirato, per favorire lo sviluppo delle potenzialità del bambino.

Questi progetti laboratoriali comprendono diverse attività specifiche:

  • Attività senso percettiva
  • Attività motoria
  • Attività grafico-pittorica
  • Attività di gioco simbolico.

Attività senso percettiva

Verso i due anni il bambino comincia ad affinare i movimenti della mano e dimostra sempre una maggiore curiosità verso tutti i materiali che gli stanno attorno. Ciò che ogni giorno il bambino incontra sulla tavola, in cucina, tra le mani della mamma, in giardino, a scuola diventano il contenuto principale di tanti giochi di manipolazione. Con questo progetto i bambini verranno stimolati a manipolare materiali di diversa forma e consistenza.

Obiettivi educativi:

  • - stimolare l'interesse e la curiosità nei confronti di vari materiali
  • - superare la paura di sporcare e di sporcarsi
  • - sviluppare la creatività del bambino.
  • - promuovere la motricità fine.

Attività motoria

L'attività motoria è un'azione pedagogica che, utilizzando i mezzi dell'educazione fisica, porta il bambino a migliorare l'uso e il comportamento del suo corpo.

Il corpo, infatti, rappresenta il primo strumento di conoscenza e di relazione che i bambini utilizzano, sin dal momento della nascita.

Attraverso il corpo, i piccoli, ricevono e inviano messaggi, percepiscono il mondo esterno, passano progressivamente dalla dipendenza all'autonomia, esprimono i propri bisogni, le emozioni e i sentimenti. L'attività motoria costituisce una componente essenziale per lo sviluppo infantile. Il movimento rappresenta quindi uno strumento di conoscenza, una particolare forma di comunicazione, una modalità per ricercare un adattamento attivo all'ambiente e svolge, per tale motivo, un ruolo primario nel processo educativo. La modalità prescelta prevede le attività gioco, giochi veri e propri e attività libera. Saranno utilizzati tutti i piccoli attrezzi strutturati (palle, cerchi...) e attrezzi non strutturati (stoffe, palloncini...).

Obiettivi educativi:

  • - vivere pienamente la propria corporeità
  • - riconoscere il proprio corpo e le sue parti
  • - sperimentare schemi posturali e motori, utilizzando piccoli attrezzi
  • - interagire con gli altri nei giochi di movimento, nella danza e nella comunicazione espressiva

Attività grafico-pittorica

Le attività grafico-pittoriche sono molto utili per imparare a percepire, distinguere e conoscere i colori, le forme e le linee che come elementi compositivi, assumono una funzione importantissima nelle espressioni artistiche.

Il bambino utilizzando le diverse tecniche pittoriche (pastelli a cera, acquarelli, pennarelli, pittura con i piedini e le manine) può esprimere con facilità e immediatezza le emozioni, gli stati d'animo, i sentimenti e i livelli percettivi della realtà.

Obiettivi educativi:

  • - aiutare i bambini ad esprimere ciò che hanno dentro, avendo sempre più consapevolezza delle proprie capacità
  • - sviluppare ed affinare la motricità oculo-manuale
  • - superare la paura di sporcarsi

Attività di gioco simbolico

Il gioco simbolico getta la base per l’iniziale sviluppo della capacità di rappresentazione mentale, e del conseguente progresso cognitivo che avviene attorno ai due anni. È per questo motivo che nella sezione primavera il gioco del far finta assume una così vasta importanza.

Obbiettivi educativi:

  • - Esprimere attraverso il gioco le proprie emozioni
  • - Esprimere le proprie attitudini e preferenze
  • - Sviluppare relazioni con i pari

Progetto IRC

I bambini della sezione primavera si accostano all’insegnamento della religione cattolica attraverso un piccolo progetto IRC, che inizierà verso dicembre, terminato il periodo di inserimento, e che proseguirà tutto l’anno.

Il progetto ha come obiettivo far conoscere ai bambini alcuni frammenti della vita di Gesù, permettendo loro di prendere confidenza con valori, gesti e simboli della cristianità attraverso brevi attività e semplici storie adatte a loro prese dalla Bibbia dei Piccoli. Le visite del parroco don Arnaldo arricchiranno il percorso dei bambini.

  • - Natale: racconteremo chi è Gesù e la storia di come è nato; ascolteremo le canzoni di Natale che i bambini della scuola dell’infanzia canteranno alla festa.
  • - Festa della mamma: parliamo di Maria, la mamma di Gesù.
  • - Festa del papà: parliamo di Giuseppe, il papà di Gesù.
  • - Pasqua: vista la tenera età dei pulcini nel periodo della Pasqua ci concentreremo sull’idea di Pace, cercando di capire come si può vivere in pace tutti insieme e quali sono i gesti che caratterizzano questo modo di vivere; scopriremo alcuni simboli pasquali come la colomba e l’ulivo.

Progetto Continuità

La presenza nella struttura di una Scuola dell'Infanzia consente un confronto verticale (con bambini d'età disomogenea). Ciò permette la conoscenza e la condivisione d'esperienze tra piccoli e grandi, e rende ancor di più la scuola un ambiente complesso e articolato di socializzazione, di trasmissione di informazioni, di orientamento. Il lavoro per sezioni aperte, poi, ossia fuse in un unico gruppo, a sua volta suddivisibile in sottogruppi, rende possibile infatti che i bambini della sezione primavera conoscano e abbiano l'opportunità di avere una relazione con i bambini della scuola dell'infanzia, affinché il percorso di formazione sia sempre basato sul confronto delle esperienze attraverso la possibilità di ampliare la gamma di conoscenze e di relazioni, secondo le esigenze di crescita del singolo e del gruppo. Saranno pertanto previste esperienze educative, strutturate e cicliche, di interscambio tra i bambini della Scuola dell'Infanzia e la Sezione Primavera.

 

Share
FaceBook

    

PSICOMOTRICITÀ

La psicomotricità è una tecnica che aiuta il bambino, con il gioco e il movimento, ad esprimere sé stesso, a comunicare e a essere creativo. La psicomotricità, attraverso i giochi di ruolo e il movimento, aiuta il bambino, sia individualmente che in gruppo, a compiere il processo di crescita.